DAMIANO ARREDAMENTI

La porta come arredamento

Le porte a Frattamaggiore rappresenta un limite ma suddivide anche gli spazi; la porta è soglia; la porta racchiude; la porta è la via di entrate e di uscita della casa, di un ambiente.

La porta nel nostro caso è un elemento di arredo.
Le porte proposte dall'attività a Frattamaggiore assumono anche questa forma. Damiano Arredamenti ha ripensato questi elementi simbolo, rendendoli parte di un ambiente.
Questo non significa che abbiano perso la loro funzione, o che abbiano un colore uguale o diverso alla parete su cui poggiano.
Le porte sono sempre elementi di distinzione tra gli spazi di un’abitazione, e continuano ad essere impiegate per chiudere uno di essi, per raccogliere ciò che vi è dentro.
Ma Damiano Arredamenti impiega le porte anche come elementi di arredo: scomponendole, modificandole, integrandole con gli elementi distintivi di un preciso spazio. Perché è giusto valorizzare questo oggetto, farlo divenire complemento d’arredo, oggetto caratterizzante, oggetto per abbellire, giocando con i materiali e le forme, trasformandolo in altro, pur mantenendone inalterata la funzione.
Le porte a Frattamaggiore diventano complementi, dialogano con lo spazio che sono chiamate a delimitare, diventano un confine in continuo confronto tra ciò che è incluso e ciò che è escluso, in un rapporto ora di esaltazione, ora di stemperamento. E mantengono la funzione, a volte più e a volte meno evidente; mantengono la struttura battente o scorrevole, mantengono gli elementi caratterizzanti, siano maniglie o serrature, ma li reinventa, li impiega in modo diversi.
Perché, come per tutto ciò che in questo spazio viene proposto, sono oggetti cui va applicata creatività e tradizione, con lo sguardo volto verso le nuove proposte ed i piedi piantati nel terreno dell’esperienza, integrando con capacità inventiva e formazione continua.
L’applicazione di tutto questo rende le proposte di Damiano Arredamenti uniche nel genere, nello stile. Ed adattate alle necessità ed al desiderio del singolo.